http La Baia di Retro Island: 22-feb-2009
Lurido branco di pappe molli se non lo sapete avete appena attraccato nella baia di Retro Island(tm),una fetida pozza di efferati retrogramers,sempre pronti a dar via anche il loro ultimo dente d'oro per una manciata di cartucce in buono stato,o per qualche vecchia console in disuso.

Voi gettatele pure nell'immondizia che noi ce le raccattiamo tutte quante ARRR ARRR ARRR AR..COF..BLURGH..COF..SBLEARGH..SPUT!!!

domenica 22 febbraio 2009

La Storia siamo Noi - Genshiken


Torniamo,come promesso, con una nuova rubrica,stavolta basata,sì sempre sul retrogame,ma con un pizzico di anime all'interno..


Grazie al nuovo acquisto della ciurma,la rubrica sarà rappresentata dal nuovo pirata "Nitalts(W)", che, con questa prima recensione,partecipa al battesimo del fuoco digitalizzato del nostro antro.


Ma,bando alle ciance ed agli sputacchi,lascio la parola al pirata in erba, per accompagnarvi nel club più estremo e,per certi versi, realistico club che sia mai esistito!


OTAKU GENSHIKEN CLUB



Questo è il mio primo contributo per i miei amici pirati, con cui, seppur per diversi tesori e bottini, ho solcato parecchi mari. Ricordi o Lungo quando in 5, su uno scomodo veliero ed un capitano pazzo, approdammo per la prima volta nei mari del Lucca Comics (e chi se lo scorda :P ndL)?



Ma basta con i ricordi e diamo spazio ad un opera imprescindibile per tutti coloro che sanno cosa vuol dire passare ore davanti ad uno schermo per un videogioco o per un anime o discettare una serata su chi sia meglio tra Rei ed Asuka: Otaku Genshiken Club è proprio questo, il racconto delle avventure di un gruppo di amici e soprattutto un gruppo di Otaku.


Per chi non lo sappia gli otaku sono quei ragazzi giapponesi con una fissa estrema per la sottocultura anime-manga-videogames, a volte questo fenomeno diventa anche un problema poiché è accompagnato da una chiusura verso il modo esterno e un sempre maggiore isolamento.



Ma non vi preoccupate, Otaku club non è affatto un fumetto dai toni troppo seri, anzi proprio chi come il sottoscritto o i curatori di questo blog o voi che leggete ha una forte passione per questi lati della cultura nipponica non potrà non rivedersi nelle tante scene di questa storia e farsi anche due risate sopra.

La vicenda inizia con l’arrivo di Sasahara in questo club,il genshiken appunto, inizialmente si trova spaesato in questo mondo di Model Kit di Gundam, doujinshi e picchiaduro, ma pian piano prenderà coscienza di essere come gli altri membri del club e di condividerne le ardenti passioni.


Con Sasahara entra nel club entra nel club anche Kosaka, un'altra matricola, che al contrario del suo coetaneo si ambienta subito. Infatti è di sicuro un otaku a tutti gli effetti ed è mostruosamente dotato nei picchiaduro, (nella versione anime Kosaka gioca molto spesso a Guilty Gear!!). Proprio di lui si invaghisce Kasukabe, una sua amica d’infanzia che per uscirci si ritrova a dover frequentare il Genshiken, per lei sarà un trauma. Infatti da ragazza “normale” trova completamente assurdo il mondo degli Otaku e farà di tutto per allontanare Kosaka da quell’insano covo, con scarsi risulti per altro.



Proprio Kasukabe sarà la lente con cui osserviamo lo svolgersi delle attività, il contrasto tra la visione normale della vita da lei rappresentata e le consuetudini dei membri del Genshiken metterà in luce gli aspetti più particolari di questi ultimi. Ma Otaku Club non è solo una mera cronaca di eventi, nel corso della narrazione i personaggi avranno uno sviluppo delle loro psicologie e i due mondi distanti si avvicineranno sempre di più imparando a conoscersi e a comprendersi meglio.


I membri del club inizieranno a guardare con maggiore speranza al mondo reale e pur mantenendo ferme le loro passioni sapranno integrarsi meglio con la società, d’altro canto Kasukabe capirà che gli Otaku non sono dei viscidi mostri che giocano agli Ero-games ma persone con cui poter stringere dei bei rapporti d’amicizia e nel suo caso anche di amore.



Il cast dei personaggi è un altro punto di forza, ognuno è ben caratterizzato e svolge un ruolo importante nella vicenda, mi permetto di presentarne uno in particolare ed è Madarame :


Costui è l’otaku definitivo, radicale nelle sue posizioni e convinto fino al midollo di quello che fa, completamente preso dalle sue passioni, a lui dobbiamo alcuni dei momenti epici della storia e delle frasi che diventano un manifesto programmatico, ma anche lui subirà un mutamento proprio come tutti gli altri protagonisti della vicenda.



Per chi vorrà approfondire il genere,consigliamo vivavente anche la serie "Otaku no video"


Meno conosciuta di Genshiken,con componenti otaku un pochino più "old",sempre però di altissima qualità.

Noi lo vedremo presto,prestissimo, e vi faremo quindi sapere le nostre impressioni ^_^